Table of Contents Table of Contents
Previous Page  208 / 268 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 208 / 268 Next Page
Page Background

INFORMAZIONI TECNICHE

L’elettricità non si vede, non ha

odore e non si sente (quando tutto

va bene). E’ è una tecnologia difficile

da toccare con mano, diversamente,

ad esempio, dalla meccanica,

dall’ingegneria o dall’architettura.

A partire dal secolo scorso, la

dipendenza dall’energia elettrica

è enormemente aumentata, ma

solo quando si verifica un black

out ci rendiamo conto di quanto

dipendiamo dall’elettricità per

il nostro comfort, per la nostra

sicurezza e per il nostro benessere.

Il benessere, il comfort e la sicurezza

a cui siamo abituati a casa e sul lavoro

sono piacevoli anche a bordo di una

imbarcazione, su un camper e dove è

necessario lavorare senza connessione

alla rete elettrica, come su barche

commerciali, chiatte da trasporto o

durante i lavori di rifacimento della

rete viaria.

Per più di 20 anni, Mastervolt si è

specializzata nella fornitura di energia

elettrica in tutti quei casi dove manca

la connessione alla rete. Per farvi

comprendere meglio il nostro lavoro,

vogliamo prima spiegare sinteticamente

il significato delle principali terminologie.

Tensione e corrente elettrica

Mastervolt è specializzata nella

conversione statica. La principale

variabile che può essere convertita sul

campo è la tensione. La tensione elettrica

(o voltaggio) rappresenta la differenza

di potenziale tra due punti in un circuito

elettrico.

Ci sono due tipi di tensioni : Alternata AC

e Continua DC. La tensione è espressa in

Volt (V) e la frequenza della tensione AC

è espressa in Hertz (Hz), la velocità alla

quale quale la tensione si alterna.

n

Corrente Alternata AC

(tensione)

è quella che si usa nelle abitazioni ed

è usata per molte apparecchiature.

In Europa è 230 V/50 Hz, in USA è

120 V/60 Hz.

n

La Corrente Continua DC

è erogata da

batterie, panelli solari ecc. La batteria è

un apparato vitale per lo stoccaggio di

energia elettrica. La tensione derivata

dalle batterie è normalmente 12 V o 24 V.

Un’altra possibilità è quella di avere una

tensione 48 V, utilizzata quasi esclusiva­

mente per la propulsione elettrica.

L’energia DC è erogata dalle batterie, ma

abbiamo bisogno anche della corrente

alternata AC per i servizi di bordo, per cui

è spesso necessaria un’apparecchiatura

che converta la corrente continua DC in

corrente alternata AC.

Un altro termine utilizzato è la

n

corrente

(I),

misurata in

n

ampere (A).

La corrente ‘scorre’ all’interno dei cavi

elettrici di bordo quando un’apparec­

chiatura è in funzione. La corrente, che

sia continua DC o alternata AC e che

scorre all’interno dei cavi elettrici in

rame, può variare molto (in relazione ai

carichi connessi e alla tensione utilizzata).

Questo spiega perché la sezione dei cavi

è così importante; il surriscaldamento

dei cavi elettrici può avere conseguenze

molto serie.

Un fiume in cui scorre acqua, un cavo che

conduce corrente elettrica o un ciclista

che pedala controvento sono tutti esempi

di resistenza.

In campo elettrico questa

n

resistenza (R)

è espressa in

n

Ohm (Ω).

La resistenza è importante perché causa

perdite che è necessario considerare.

Nei cavi abbiamo una caduta di tensione,

che è fondamentale tenere presente

per evitare che la tensione alla fine del

cavo sia insufficiente ad alimentare

l’apparecchiatura che vogliamo usare.

Tutte le variabili sopra menzionate,

producono energia o

n

potenza (P),

che è espressa in

n

watt (W).

Tutte le apparecchiature elettriche hanno

una potenza; microonde da 900 W,

lampadine da 60 W, generatori da 4000

W e lavatrici da 2500 W. Per semplificare

il tutto ci riferiremo sempre ai kilowatt

(kW), dove 1000 W sono uguali a 1 kW.

Per collegare un consumo alla sua durata,

usiamo un’unità di tempo durante la

quale l’energia viene generata o consu­

mata, normalmente un’ora.

Insieme formano il kilowatt ora (kWh).

Elettricità: come funziona?

La relazione tra tutte queste unità è espressa in formule che

rappresentano le ‘leggi’ dell’elettrotecnica.

V

= la differenza di potenziale espressa in tensione (V)

I

= corrente in unità di amperes (A)

R

= resistenza espressa in ohm (Ω)

P

= potenza espressa in Watt (W)

La legge di Ohm è la formula fondamentale: V = I x R

Tensione [V] = corrente [I] x resistenza [R]

Visto che usiamo spesso il termine potenza, la formula sotto esposta

viene utilizzata frequentemente per determinare questa grandezza:

P = V x l

Potenza [P] = tensione [V] x corrente [I]

Formule

208