Table of Contents Table of Contents
Previous Page  225 / 268 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 225 / 268 Next Page
Page Background

ALLARMI DEI CARICABATTERIE CHARGEMASTER

INVERTER

Le domande più frequenti

sugli inverter

n

Che capacità di batterie mi

serve con un inverter?

Come regola pratica si calcola che la

capacità delle batterie a 12 V sia circa

il 20 % della potenza dell’inverter.

Per inverter a 24 V, si calcola il 10 %.

La capacità delle batterie con un inverter

Mass Sine 12/1200, per esempio, è

240 Ah, mentre per un inverter Mass Sine

24/1500 equivale a circa 150 Ah.

La capacità batteria indicata si riferisce

solo all’inverter. La potenza richiesta per

altre utenze deve essere aggiunta alla

precedente.

n

Quanta potenza assorbe un

inverter?

Gli inverter a onda sinusoidale pura

Mastervolt, hanno un’efficienza del 92 %,

che è il massimo che si possa ottenere

dalle moderne tecnologie.

Se colleghi una macchina da caffè da

850 W a un inverter Mass sinusoidale

puro, il consumo è pari a 850 W diviso

la tensione nominale di bordo 12 V: in

questo caso 70 A. Naturalmente una

macchina da caffè viene utilizzata solo

per periodi brevi, quindi il consumo

in Ah è relativamente modesto (76 x

5 minuti = 6,5 Ah). Una regola pratica

dice di dividere la potenza collegata per

10 per 12 V o per 20 per 24 V. Il dato

tiene conto anche delle perdite nei cavi

e nell’inverter.

n

E’ presente un interruttore

di stand-by sull’inverter?

Sicuramente! Per quanto l’autoconsumo

sia estremante basso, quasi tutti gli

inverter e i combi Mastervolt sono dotati

di sistemi per il risparmio energetico.

Attivando la modalità Economy, si

riduce il consumo dalle batterie di

un ulteriore 10 %. Questa funzione

richiede una regolazione dei settaggi

del dipswitch/jumper, che si può anche

effettuare attraverso i software scaricabili

gratuitamente. La modalità ‘economy’

assicura che la tensione in uscita scenda

leggermente a 208 V, il che riduce anche il

consumo di energia dalla batteria.

Apparecchiature con basso consumo,

tipo orologi dei microonde o dei DVD,

funzionano anche con tensione più

basse. Con alcuni inverter è anche

possibile attivare la modalità stand-by.

In questa modalità l’inverter lancia im­

pulsi a 230 V nell’ impianto per control­

lare le apparecchiature collegate. Appena

viene riconosciuto un assorbimento, la

tensione ritorna immediatamente nor­

male per alimentare le apparecchiature.

La modalità economy permette di ridurre

i consumi quasi a zero.

n

Posso alimentare un

computer con un inverter?

Certo. Tutti gli inverter sinusoidali puri

Mastervolt possono alimentare un

computer in sicurezza, senza il minimo

rischio. In pratica l’onda sinusoidale

dell’inverter è spesso migliore di quella

della rete elettrica o presa da terra. Per

questa ragione gli inverter Mastervolt

combinati con un caricabatterie e un

banco batterie, vengono spesso usati

come unità di back-up in zone dove

la rete elettrica è inaffidabile. Anche

i computer portatili possono essere

alimentati da un inverter Mastervolt.

n

Posso alimentare un forno a

microonde con un inverter?

Qualsiasi forno a microonde può essere

alimentato da un inverter Mastervolt.

Considera che un microonde da 800 W

consuma 1200 o 1300 W dalla rete a

230 V e quindi la potenza dell’inverter

deve essere tale da gestire questo

consumo.

Comunque, il consumo totale della

combinazione microonde/inverter

è moderato: utilizzando un forno a

microonde per 5 minuti, si consumano

circa 12 Ah in un impianto a 12 V e 6 Ah

per impianti a 24 V.

n

Ci sono apparecchiature che

non possono essere alimentate

da un inverter?

Puoi collegare quasi tutte le apparecchia­

ture ad un inverter, con alcune eccezioni

pratiche. In pratica bisogna fare molta

attenzione ai dispositivi ‘energivori’, come

riscaldamento elettrico o aria condiziona­

ta. Mentre l’inverter di per sé non ha pro­

blemi con questa tipologia di carichi, la

capacità batteria è spesso non adeguata

all’impiego prolungato di queste utenze.

Apparecchiature che richiedono tempi di

utilizzo breve, come lavatrici, asciugatrici

o piccole piastre elettriche, vanno bene

se la capacità delle batterie è sufficiente.

In questi casi si consiglia di utilizzare una

fonte di energia, tipo un alternatore, per

alimentare in contemporanea le batterie.

Considera inoltre che utenze tipo motori,

pompe, aria condizionata e frigoriferi,

hanno correnti di spunto che vanno

dalle 5 alle 12 volte la potenza nominale.

L’inverter deve essere in grado di fornire

questa potenza. Gli inverter Mastervolt

sono sviluppati per erogare spunti elevati

all’avviamento.

225